CAPTAIN FANTASTIC

“Se dai per scontato che non esista alcuna speranza, farai in modo che non ci sia speranza. Se dai per scontato che esista un istinto verso la libertà, farai in modo che ci sia un’opportunità di cambiare le cose.”

captain-fantastic

Captain Fantastic è un film che fa sognare. Fa sognare un altro mondo, altre opportunità, altra educazione. E’ l’educazione il tema fondamentale della pellicola, il rapporto tra il padre ed i figli, la crescita e l’adolescenza difficile, il confronto tra una apparente stranezza ed una apparente normalità. Il film piace ai figli per l’ispirazione alla libertà, ed ai genitori per la consapevolezza dello smarrimento educativo della modernità, o magari il semplice ricordo delle utopie giovanili. E’ evidente la difficoltà del figlio maggiore davanti ad eventi che non si possono imparare dai libri, ma bisogna impararli direttamente dalla vita. Da notare che i nomi dei figli non sono esattamente “da calendario”.

Ma che bello festeggiare il 24 dicembre dedicandolo a Noam Chomsky.

La luce è sempre ripresa al naturale esaltando i luoghi ed i momenti. Non a caso è un film in cui il pensiero più ricorrente è alla Libertà. I dialoghi forse sono difficili, con continui riferimenti a dei classici della letteratura o del pensiero, ma va considerato come uno stimolo alla ricerca e all’approfondimento. Bello.

Bello bello bello.

AGGIORNAMENTO: Una bella intervista a VIGGO MORTENSEN sulla rivista Rolling Stone online http://bit.ly/2goEqGv

E per chi fosse interessato alla colonna sonora http://www.soundtrack.net/movie/captain-fantastic/ 

Meriterebbe un premio solo per l’uso delle variazioni Goldberg eseguite da Glenn Gould.

Regia Matt Ross
Sceneggiatura Matt Ross
Produttore Lynette Howell Taylor, Jamie Patricof, Shivani Rawat, Monica Levinson
Produttore esecutivo Nimitt Mankad, Declan Baldwin
Casa di produzione Electric City Entertainment ShivHans Pictures
Distribuzione (Italia) Good Films
Fotografia Stéphane Fontaine
Montaggio Joseph Krings
Musiche Alex Somers
Scenografia Russell Barnes

 

Spread the love

Autore dell'articolo: Massimo Ciccola

Massimo Ciccola

Lascia un commento